fermente insalata zucca
Primi piatti,  Salato

Zucca, orzo e ceci: Insalata tiepida d’Autunno.

 fermente insalata zucca

La zucca è l’ortaggio che più s’accosta all’autunno, non solo per ovvia stagionalità, ma anche per il colore caldo ed il sapore dolce, che ben s’abbina con i primi freddi.
Se conservata in un luogo fresco e al riparo da fonti di luce e calore, può resistere integra (non tagliata) anche per mesi. Difatti, la grossa zucca che vedete in foto qui sotto è stata raccolta in Agosto, nella campagna di mio nonno.

01insalata-zucca-fermente

Esistono tante varietà di zucca, più o meno saporite o dolci, grandi, piccole e anche esclusivamente decorative. Quando devo comprarla, scelgo sempre la varietà butternut o mantovana. La polpa è di un bell’arancione ed il sapore zuccherino.
Ho l’abitudine di mangiarla anche cruda, mi ricorda moltissimo il sapore del meloni retati o francesini.

La ricetta di oggi è parte della mia famiglia da anni, non ricordo neanche più come sia arrivata, se frutto dell’estro creativo di un momento o figlia di qualche cuoco blasonato. Fatto sta che è buona, buonissima e può essere preparata anche in anticipo rispetto al servizio.

Se vuoi vedere quello che pubblico e sperimentare nuove ricette, seguimi su Facebook, lasciando un like a questa pagina!

Insalata tiepida d’Autunno

Tempo di preparazione: 1 ora e 15 minuti

Ricetta per 4 persone:
200 gr di orzo perlato (non precotto)
600 gr di acqua (per la cottura dell’orzo)
350 gr di zucca
200 gr di ceci cotti e sgocciolati oppure 100 gr di ceci secchi
80 gr di speck a dadini (opzionale)
1 cipollotto
qualche rametto di rosmarino
olio extra vergine d’oliva q.b.
sale q.b.

Procedimento:
I ceci sono la parte più lunga da cuocere, per cui il giorno prima della preparazione dell’insalata metteteli in ammollo in abbondante acqua e quindi in frigo, procedendo alla cottura in mattinata, bollendoli semplicemente, senza sale nè altro.
Una volta cotti i ceci, cominciate seriamente a disporre per l’insalata.
Sciacquate abbondamente sotto l’acqua corrente l’orzo perlato e mettetelo in pentola con l’acqua fredda, portandolo dunque a bollore. Salate secondo i vostri gusti e procedete nella cottura ancora per circa 35 minuti, fino ad aver consumato tutta l’acqua. Fate solo attenzione affinchè l’orzo non si attacchi al fondo della pentola.
Mentre l’orzo cuoce, voi pulite la zucca e tagliatela in fette spesse circa 1 cm, cuocendola a vapore (va bene una vaporiera, ma anche una raggiera classica, di quelle che si poggiano nelle padelle e sotto vi si aggiunge l’acqua) fin quando la forchetta non riuscirà ad entrare. E’ questione davvero di pochissimi minuti, perchè vogliamo una zucca cotta, ma non molliccia. Deve mantenersi soda.
Non bollite assolutamente la zucca, altrimenti si caricherà d’acqua.
Una volta cotte, tagliate a cubetti le fette di zucca.

Tritate il cipollotto e mettetelo in padella o nel wok assieme ad un filo d’olio, lasciandolo sfrigolare appena, prima di versarvi i ceci sgocciolati, i cubetti di zucca e un po’ di rosmarino. Saltateli tutti assieme per 5 minuti o poco più, quanto basta affinchè il rosmarino possa sprigionare i suoi sapori, senza sfaldarsi e senza che si rompa la zucca. Salate secondo i vostri gusti.
Intanto, l’orzo sarà ormai sicuramente cotto e pronto per essere unito al resto.
Mescolate il tutto ancora sul fuoco per un minuto, poi spegnete e aggiungete lo speck a cubetti, un generoso cucchiaio d’olio evo e coprite la padella con il coperchio.
Lasciate la vostra insalata a riposo per almeno 10 minuti. L’orzo avrà così tutto il tempo di assorbire il sapore del condimento.
Al momento del servizio, togliete i rametti di rosmarino della cottura e impiattate.

Quest’insalata è ottima anche a temperatura ambiente e può essere preparata il giorno prima di quello in cui volete servirla. Si conserva in frigo e si scalda brevemente in microonde o in padella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *